Seleziona una pagina

La storia di Appallottolandocelo

Mentre la nonna al lavoro osservavo,
nella mia mente già immaginavo
il sogno sperato dal filo incantato
di rimanere un piccolo groviglio fatato.
Le mani sapienti, come in una danza,
creavan intrecci con gran maestranza,
per tramutare lo spaesato rotolino
in un bel maglioncino per il nipotino.
Ecco ad un tratto il coraggio trovò:
il gomitolino su di sé si appallottolò,
sfuggendo così da quel perfetto reticolato
in cui non voleva rimaner incastrato…
Ora eccolo qui appallottolato,
insieme a coloro che lo hanno imitato…
Così colorati, gioiosi e belli
son divenuti preziosi gioielli.

Appallottolandocelo nasce da un amore…

E’ una storia tanto semplice quanto autentica, familiare. Appallottolandocelo  parla di un legame forte e incondizionato che unisce una nonna alla sua nipotina : una bambina che rimane incantata a guardare la nonna lavorare a maglia, e tra un racconto e un gesto d’amore, assorbe curiosa ogni segreto custodito nei dettagli di quel lavoro minuzioso e affascinante, tentando di imitarlo e di farlo suo.

Appallottolandocelo è la volontà di quella bambina di portare avanti e trasformare una tradizione, reinterpretando, con creatività e fantasia, l’insegnamento di un lavoro artigianale fatto con grande passione ed ingegno.

Il risultato è una linea di bijoux contemporanei, il cui concept è il gomitolo: l’origine, la materia prima, l’essenza.

 Il filo incantato, protagonista nel “mondo appallottolato”, si libera dagli schemi, dal reticolato del lavoro a maglia, per mostrarsi nella sua forma più semplice, ma è anche un filo che lega, che tiene assieme, si snoda e si appallottola per dare vita ad un moderno progetto di design auto prodotto dalle infinite combinazioni cromatiche.

Follow the wire on